giovedì 4 ottobre 2018

Licodia Eubea e i suoi figli nella Grande Guerra - Stefano Vacirca

La mostra "Licodia Eubea e i suoi figli nella Grande Guerra" cambia orari. 
Sarà possibile visitarla tutti i venerdì, sabato e domenica, dalle ore 18.30 alle 21.00.
(Ex Chiesa di San Benedetto e Santa Chiara, Licodia Eubea) 


Nella foto una immagine di Stefano Vacirca e l'articolo a lui dedicato comparso sul Giornale d'Italia nell'edizione del 15 gennaio 1916. I due documenti sono tratti da www.14-18.it..

Il sottotenente "protetto dal favor delle tenebre…"


Anche ad Assisi il nostro giovane sottotenente siciliano Stefano Vacirca è ricordato. Il suo nome figura nella lapide commemorativa dei caduti del primo conflitto mondiale posta nell'ex poligono di tiro a segno della città umbra che poco prima dello scoppio del conflitto, per motivi lavorativi, lo aveva adottato. Stefano era nato a Licodia Eubea nel 1891 da Salvatore e Giuseppa Lo Presti. Mentre egli partiva per il fronte«animato dal più santo entusiasmo per la frontiera», la famiglia si trovava lontana, negli Stati Uniti d’America, come molti altri compaesani alla ricerca di un futuro migliore. Stefano, che godeva di particolare stima tra i superiori, era stato promosso da poco tempo sottotenente di complemento. Durante la terza battaglia dell’Isonzo Vacirca si era distinto conducendo una azione particolarmente pericolosa. La notte del 23 ottobre 1915 la quota 124 del Monte San Michele era stata conquistata finalmente con l'impegno determinante di Vacirca, «che, protetto come egli stesso scriveva ad un amico, dal favor delle tenebre, fu inviato con una pattuglia, alla conquista di una trincea nemica».
Il giorno seguente, mentre moltissimi altri soldati italiani morivano su quella cima, anche la giovane esistenza di Stefano Vacirca veniva stroncata sul San Michele da un colpo d’arma da fuoco alla fronte. 









VIII Rassegna Archeologica di Licodia Eubea


E' disponibile il programma completo della Rassegna 2018: Rassegna Licodia Eubea 2018